Ok al Dl agosto: per gli autonomi tasse rinviate per 2,2 miliardi, niente bonus consumi ma “piano cashback”

PAlazzo_Chigi_tricolore_foto_chigi

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera “salvo intese tecniche”, al provvedimento da 25 miliardi per la ripartenza dell’economia. La metà delle risorse va al lavoro. Il 50% delle tasse sospese a marzo, aprile e maggio va saldato entro dicembre in 4 rate, l’altro 50% in 24 rate da gennaio.

Continua a leggere

Confcommercio: “scelte da migliorare e altre ancora da fare, va recuperato il bonus consumi”

03negozi

“Nel decreto di agosto è anzitutto positiva la proroga degli ammortizzatori sociali emergenziali.  Debutta poi una ‘decontribuzione di vantaggio’ per il Mezzogiorno  e si fa ricorso agli sgravi contributivi per sospingere l’occupazione, ricomprendendo per la prima volta,  in questa tipologia di agevolazione, anche le assunzioni a tempo determinato, sia pure limitatamente al settore del turismo.  Ma, da una parte, persiste un sia pur rivisitato divieto di licenziamento, mentre, dall’altra, vengono previsti in taluni casi (riduzione di fatturato inferiore al 20% o invarianza di fatturato) oneri aggiuntivi a carico delle imprese per il ricorso alla cassa integrazione. Quanto al regime speciale per i contratti a termine, se ne rende possibile l’utilizzo solo per proroghe e rinnovi e una sola volta entro la fine dell’anno”. Così Confcommercio sul Dl Agosto approvato dal Consiglio dei Ministri.

Continua a leggere

Federalberghi: “restano problemi importanti da affrontare”

Albergo7 grande

“Apprezziamo l’abbattimento della seconda rata Imu, ma chiediamo che venga riconosciuto anche per gli immobili in cui il proprietario e il gestore non coincidono. La soluzione adottata è paradossale, perché penalizza le imprese che hanno collocato l’immobile e l’azienda in due società diverse, attenendosi ad una comune modalità di corretta gestione”. Lo spiega il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, dopo il varo del Decreto Agosto.

Continua a leggere

Fipe: “delusi da annunci senza seguito, serve un segnale”

riapertura

Il decreto agosto “è un provvedimento che contiene molte cose con giuste finalità, ma ci aspettavamo di più. Non solo perché la ristorazione è tra i settori più danneggiati, ma anche perché – e questo ci preoccupa e ci disorienta – gli annunci fatti per un bonus del 20% sui consumi hanno creato giuste aspettative che se poi non arrivano risposte disorientano e fanno arrabbiare”.

Continua a leggere