LA VIA DELLA SILVER ECONOMY PER RILANCIARE L’ECONOMIA DEL PAESE

calcolatrice3 (1)

Puntare sulla Silver Economy per rilanciare l’economia del Paese e dei singoli territori. Questo il tema portante del convegno “Silver & The City”, che si è tenuto all’interno dei Magazzini del Cotone a Genova, organizzato da Confcommercio e 50&Più in collaborazione con Confcommercio Genova alla presenza del sindaco Marco Bucci e del presidente di Confcommercio nazionale Carlo Sangalli. I numeri dell’economia “silver”, quella degli over 65, sono impressionanti: sono 14 milioni, sono cresciuti di oltre mezzo milione dal 2015 ad oggi, hanno una ricchezza media più alta del 13,5% di quella degli italiani, i loro consumi vanno a gonfie vele, spendono per musei, mostre, cinema e viaggi, il 17,4% di loro lavora e il 40% addirittura sostiene i figli e le loro famiglie, non vogliono essere chiamati vecchi o anziani, ma “persone mature”. Intorno a loro e per loro c’è un complesso di attività economiche, la cosiddetta Silver Economy, che offre servizi materiali e immateriali, beni e prodotti di consumo o investimento e varie forme di assistenza psicologica, riabilitativa e sanitaria: insomma, tutto ciò di cui i cosiddetti “silver” hanno bisogno. Dal punto di vista turistico, il valore economico del turismo senior è rilevante: secondo dati Censis, nel 2018 i consumi degli over 65 per viaggi e vacanze hanno superato i 4,9 miliardi di euro (con un incremento del 38,9% sul 2014-2018), di cui 2,2 miliardi destinati a vacanze con soggiorni di 2-3 notti e 2,6 miliardi per vacanze di 4 o più notti. Oggi l’over 65 è un turista attento e informato, in grado di vagliare, autonomamente, tra le molteplici proposte, la vacanza più adatta a lui. Presta attenzione al prezzo finale del pacchetto turistico, ma tiene conto anche della sua qualità e della sua sicurezza, verifica se ci sono valori aggiunti e controlla l’affidabilità del tour operator. Naturalmente non tutti gli over 65 si affidano al web. Molti, soprattutto coloro che hanno un’età che va oltre i 70-75 anni, si rivolgono alla propria agenzia turistica di fiducia.

Secondo il presidente di Confcommercio Messina Carmelo Picciotto <<bisogna portare investitori e puntare sulla Silver Economy, il turismo della Terza Età>>. I dati dicono che il giro di affari dell’economia d’argento è enorme: nella fascia oltre i 60 anni può arrivare a muovere più di cento miliardi. <<Messina ha le carte in regola per attirare questo turismo. Si propone come capitale internazionale dell’invecchiamento attivo per clima, enogastronomia, ambiente e cultura – prosegue Picciotto. È necessario offrire proposte allettanti per questo tipo di clientela, pacchetti vacanze, accordi con gli albergatori e i ristoratori. Ma si deve puntare sulla Terza Età attiva, perché non porta benefici solo al commercio ma anche al lavoro, con nuovi posti che si creano a ruota>>.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...